Tutti gli articoli di Redazione

Come rimuovere capelli ed altri oggetti dai tubi del lavandino

Quante cose facciamo con il lavandino? A seconda di come è posizionato, può essere utilizzato per lavare le proprie stoviglie, sciacquarsi le mani, magari anche per lavare i propri capelli. Come tale può accadere che con il tempo vi siano dei residui di sporco, elementi che alla fin dei conti non vengono scaricati con regolarità. A volte questi elementi rimangono nello scarico anche dopo l’uso di detergenti ed acidi, specialmente considerando che alla fine dei conti non possono essere fin troppo aggressivi. Veniamo quindi a noi: come possiamo attualmente rimuovere capelli ed altri oggetti dallo scarico senza fare un macello di tubi rimossi?

Usare delle fascette stringi filo ben modificate

Le fascette stringi filo possono essere molto valide per catturare e rimuovere grosse quantità di sporco. Ma come possono fare tutto ciò? Semplice: innanzitutto, bisogna creare dei “denti” usando con molta attenzione una forbice. Questi denti devono ovviamente essere rivolti verso l’alto. Non c’è bisogno di prendere delle fascette lunghe, anche se è molto apprezzato, in quanto basta unirle fra di loro. Infilate quindi la fascetta all’interno dello scarico fin quando non toccate l’altra parte del tubo. Tirate quindi per portare via residui complicati da rimuovere come i capelli.

Usare una combinazione di bicarbonato e aceto di vino bianco.

Anche se magari avete già usato dell’acido per rimuovere la sporcizia dai tubi, senza tanto successo, con il bicarbonato di sodio e l’aceto di vino bianco si possono ottenere alcuni risultati differenti. Bisogna ovviamente usare il bicarbonato in polvere, innanzitutto. Versatene una buona quantità nello scarico, seguito poi dall’aceto. Tappate quindi lo scarico e lasciate che la reazione chimica consumi tutto quello che è presente nei tubi.

Questo mezzo è differente considerato che non scorre via velocemente, ma ha un azione lenta all’interno delle tubature. Il contenuto tende anche a riempire tutti i tubi e dissolvere così in maniera completamente organica l’interno.

Usare del ferro filato ad “uncino”

Un metodo che fa sempre riferimento alle fascette stringi filo, ma con un’aggiunta in più. Il ferro filato è capace infatti di rimuovere qualsiasi ostacolo con la forza, vista la sua resistenza, e può essere usato per “grattare” i tubi dall’interno. Basta creare un piccolo uncino alla punta del ferro filato e girarlo in continuo nel mentre viene spinto giù per il tubo. Ogni tanto tiratelo su per estrarre altri contenuti che possono star bloccando le tubature.